}
tumbler, ananas, crema, cioccolato, dolci, dessert Crêpe, fragole, mascarpone pancakes, castgane, melagrane, ricette, dolci vini, dessert, dolci, ricette, spumanti moscato, Pantelleria, vini, moscato, dolci, dessert, ricette quenelle, cocco, ricotta, dolci, dessert, ricette, cucina millefoglie, cioccolato, crema, ricette, dolci torte, dessert, dolci, Natale bianco mangiare, dilci, dessert, ricette, cucina

agosto 05, 2013

10 deliziose ricette di Dolci Calabresi inimitabili, tramandati da generazione in generazione, fatti a mano con materie prime inconfondibili.

calabriaDal punto di vista gastronomico, la Calabria ha dato luogo a un ricettario composito, le cui preparazioni sono influenzate da un lato dalle numerose dominazioni subite e dall’altro dalle due anime del territorio, terrigna e marinara: nell’entroterra si trovano i piatti più sapidi e intensi della cultura contadino-pastorale, mentre sulla costa splende una solare cucina di pesce.

Terra prevalentemente montuosa e collinare, con modeste piane ai piedi dei colli, la regione si affaccia sui mari Ionio e Tirreno con un variegato e imponente sviluppo costiero di oltre 700 chilometri.

I prodotti dolciari calabresi racchiudono tradizioni millenarie. Dolci inimitabili perché tramandati da generazione in generazione, tipici, freschi, fatti a mano con materie prime inconfondibili, da tecniche antiche, ma soprattutto frutto di una terra ancora incontaminata.

dolci calabresiLa grande varietà dei dolci di questa regione ha spesso un significato rituale legato alle feste dei Patroni e a quelle popolari, in passato venivano offerti come un mezzo di saluto, venivano esposti nelle feste e nelle fiere, rappresentavano tutte le espressioni dei sentimenti puri del popolo contadino calabrese, nelle loro proprie forme esprimono chiari significati, come i biscotti a forma di “cavallo”, “pesce”, “capra”, “gallo”, simboleggiano la vita rurale contadina e il rispetto per la natura. Tipica anche l’usanza di dare la forma del santo protettore del paese.

I dolci della tradizione calabrese vengono spesso fatti con dolcificanti naturali quali il miele, lo sciroppo di fichi, il mosto. Questi alimenti, ricchi di fibre e di preziosi enzimi, sono preferibili allo zucchero. Infatti in passato l'uso dello zucchero era molto limitato e veniva acquistato dalla popolazione una o due volte all'anno, soprattutto per dolcificare il caffè quando c'era o per fare le caramelle a vetro in caso di tosse e raffreddori. Il miele invece era abbastanza diffuso, ma circolava poco tra i contadini poveri e veniva riservato per la pignolata e i mostaccioli

 

1.- Marmellata di clementine.

marmellata di clementine

2.- Sorbetto al Bergamotto di Reggio Calabria.

sorbetto al bergamoto

3.- Turtiddi tipici tortelli fritti della cucina calabrese.

turtiddi

 

4.- Mousse di cioccolato e melanzana.

mousse, cioccolato e melanzana

 

5.- I prodotti dolciari calabresi racchiudono tradizioni millenarie.

6.- Il gelato artigianale calabrese, prodotto di alto gradimento.

gelato artigianale calabrese

7.- I Petrali sono dei dolci di pastafrolla ripieni a forma di mezzaluna tipici di Reggio Calabria.

8.- Le Nacatole sono dei dolci natalizi tipici della tradizione calabrese

 

9.- Cururicchi dolci natalizi calabresi fritti di patate.

10.- I mostaccioli calabresi hanno origini antichissimi è un intreccio tra storia e leggenda tramandata negli anni da padre in figlio in generazioni.

Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sull'immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

6 commenti:

  1. La cucina calabrese è strettamente collegata alla vita religiosa e spirituale e comporta regole e abitudini spesso legate alle ricorrenze che risalgono ai tempi antichi, essendo il risultato di quasi 3.000 ann

    RispondiElimina
  2. La cucina calabrese è una cucina contadina e genuina, molto semplice,
    che
    usa i frutti della sua terra. Ancora oggi quasi tutti coltivan
    un orto, hanno un pò di ulivi e spesso anche una piccola vigna. Tengono
    gli animali da cortile – le galline, i conigli, i piccioni, i maiali.
    Usano le erbe che crescono nell’orto, come il rosmarino e la salvia,
    ma raccolgono anche le erbe selvatiche che crescono spontanee in
    primavera E in autunno tutti in giro per i boschi con i panieri
    pe raccogliere i funghi. Quasi tutti inoltre hanno la fortuna di
    avere un camino e di poter cucinare sulla brace..le salsicce e costine
    di maiale cucinate cosi sono ottime, magari come contorno usiamo anche
    le verdure cucinate sotto cenere....che bontà!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Segnalo anche un altro dolce tipico calabrese che si prepara nel periodo natalizio, simile ai turdilli: si tratta della pignolata calabrese. Si realizza creando delle palline di pasta, si friggono e si ricoprono con abbondante miele. E' una preparazione delle nostre nonne, realizzata con ingredienti semplici e genuini.
    Sul blog specializzato piatti-tipici-calabresi.it è possibile consultare la ricetta originale integrale, utilizzata ancora oggi nel periodo natalizio e non solo.

    RispondiElimina

Random Posts

Il Mondo dei Dolci in Google+

Feedelissimo

Il Mondo dei Dolci in Pinterest

Il Mondo dei Dolci su Facebook